I capricci di Tabby

Rappresentazione artistica dell’ipotetico anello irregolare di polvere in orbita attorno alla Kic 8462852. Crediti: Nasa/Jpl-Caltech

Tempi duri per i fan degli alieni. Nelle ultime settimane sono stati pubblicati due risultati astronomici che spiegano in modo “naturale” due fenomeni che erano apparsi così anomali da far pensare che ci fosse lo zampino degli extraterrestri.

Le stranezze erano state rivelate da due oggetti celesti molto diversi tra loro ma accumunati da nomi decisamente prosaici: la stella Kic 8462852 (per Kepler Input catalog seguito dal numero progressivo) e la sorgente di ripetuti brevi lampi radio chiamata  Frb 121102 (per fast radio burst seguito dalla data del primo evento, 2 novembre 2012). Oltre ad avere una fenomenologia diversissima, le due sorgenti sono a distanza incomparabilmente diverse: 1280 anni luce per Kic 8462852, una stella della nostra galassia nella costellazione del Cigno, contro 3 miliardi di anni luce per Frb 121102, situata in una anonima galassietta nella costellazione dell’Auriga. continua ...

Niente alieni sulla Stella di Tabby

Rappresentazione artistica della Stella di Tabby. Crediti: Danielle Futselaar/METI International

Un team di oltre 200 ricercatori guidato da Tabetha Boyajian della Louisiana State University, prima autrice dell’articolo che nel 2015 ne ha annunciato la scoperta, è a un passo dal risolvere il mistero che si cela dietro la stella più misteriosa dell’Universo: KIC 8462852, denominata anche Stella di Tabby dalla stessa Boyajian. La Stella di Tabby è una normale stella, circa il 50 per cento più grande e mille gradi più calda del nostro Sole, che si trova a poco meno di 1.500 anni luce da noi in direzione della costellazione del Cigno. La sua peculiarità è che presenta insolite fluttuazioni di luminosità, con una variabilità aperiodica e abbassamenti repentini di luminosità che arrivavano fino al 20 percento. Sono state proposte diverse teorie per spiegare il comportamento anomalo della stella, tra cui quella di una megastruttura aliena che orbita attorno alla stella stessa. continua ...

Tabby, un poliziesco in chiave stellare

Una delle ipotesi più accreditate per l’insolito oscuramento della cosiddetta stella di Tabby è la presenza di una nube irregolare di polvere. Crediti: Nasa/Ames Research Center/Daniel Rutter

A circa 1500 anni luce dalla terra, una singolare stella – denominata ufficialmente KIC 8462852 ma più conosciuta come stella di Tabby – ha catturato l’attenzione degli scienziati e l’immaginazione del pubblico con la sua luminosità stranamente fluttuante.

Unico caso fra le oltre 200mila stelle misurate dal satellite Kepler della Nasa in quattro anni, la luminosità di Tabby è stata vista variare fino al 22 per cento in un giorno solo. Allo stesso tempo, uno studio delle lastre fotografiche pregresse ha rilevato una perdita di luminosità di circa il 20 per cento nel corso di un secolo, anche se una ricerca successiva ha poi confutato questo risultato, attribuendolo a effetti strumentali. continua ...