C’è puzza d’acetone attorno a quella protostella

Illustrazione schematica della composizione dei dischi protoplanetari nello stato normale e in quello di outburst (cliccare per ingrandire). Crediti: National Astronomical Observatory of Japan

Diverse molecole organiche complesse, tra le quali metanolo, acetaldeide, formiato di metile, acetonitrile e acetone, quest’ultimo rilevato per la prima volta con certezza. Questo il bottino di uno studio condotto dal team di ricerca guidato da Jeong-Eun Lee, della Kyung Hee University, in Corea del Sud, utilizzando il telescopio Alma (Atacama Large Millimeter/submillimetre Array), in Cile. I ricercatori hanno identificato queste molecole studiando le caratteristiche del disco protoplanetario attorno alla stella V883 Ori: una protostella nella costellazione di Orione situata a 1300 anni luce dalla Terra. L’osservazione è stata possibile grazie a un outburst: un’eruzione di materia che è esplosa dalla fotosfera della stella causando un improvviso aumento della sua luminosità. Non solo: l’eruzione ha anche ampliato la sua cosiddetta linea di neve – la regione del disco protoplanetario della stella dove la temperatura raggiunge quella di sublimazione delle molecole. È stato proprio grazie a questo ampliamento, causato dall’eruzione, che le molecole in questione sono state identificate. continua ...