Il primo germoglio sulla Luna

Il primo germoglio di cotone che sta crescendo sulla Luna. Crediti: People’s Daily, China (via Twitter)

La sonda cinese Chang’e-4, allunata il 3 gennaio scorso sulla faccia nascosta della Luna, ha completato il primo esperimento biologico sulla superficie del nostro satellite: le foto provenienti dalla biosfera che ospita a bordo mostrano che i semi di cotone sono germogliati. Il germoglio continuerà a crescere e ci si aspetta che presto produrrà la sua prima foglia verde.

Ricordiamo che i campioni di organismi presenti all’interno del carico biologico sono costituiti da semi di cotone, patate, arabidopsis, colza, crisalidi e lieviti. continua ...

Ecco “the Cow”, il primo muggito del buco nero

La cupola di un telescopio ottico con le rappresentazioni di una stella di neutroni (sx) e un buco nero in accrescimento (dx). Crediti: D. Maturana & Noao / Aura / Nsf; Nasa / Penn State University / Casey Reed; Nasa Goddard Space Flight Center

È probabilmente nato “senza camicia” il corpo celeste super-compatto (un buco nero di massa stellare o una stella di neutroni fortemente magnetizzata) partorito dell’anomala esplosione, molto più luminosa e rapida di una normale supernova, vista comparire lo scorso giugno nella galassia nana Cgcg 137-068 a 200 milioni di anni luce dalla Terra, nella direzione della costellazione di Ercole. continua ...

Sean Penn: primo uomo su Marte

18.12.2018

Sean Penn in una scena della serie

Non c’è bisogno di aspettare il 2019 e la storica ricorrenza che si porta appresso – i cinquant’anni dell’uomo sulla Luna – perché il fuoco della curiosità e dell’avventura torni ad ardere vigoroso nel cuore dell’uomo. Prometeo, esploratore.

Con un’anteprima gratuita dei primi due episodi in 30 sale cinema, martedì 18 dicembre, arriva la serie evento che negli Stati Uniti ha emozionato pubblico e critica: The First. Protagonista, il due volte premio Oscar Sean Penn. continua ...

Primo selfie per InSight

Questo è il primo selfie di InSight della Nasa, su Marte, dove sono visibili i pannelli solari e il ponte del lander. In alto ci sono i suoi strumenti scientifici, i sensori meteo e l’antenna Uhf. Il selfie è stato scattato il 6 dicembre 2018 (Sol 10). Crediti: Nasa/JPL-Caltech.

Il lander InSight della Nasa non sembra essere timido, anzi! Utilizzando una telecamera posizionata sul suo braccio robotico, si è fatto il primo selfie: un mosaico composto da 11 immagini, nel quale sono chiaramente visibili il pannello solare del lander ed il suo ponte, dove sono alloggiati i suoi strumenti scientifici. Per farlo ha usato lo stesso processo di imaging utilizzato del suo compagno Curiosity, sempre della Nasa, che ha scattato molte immagini, le ha parzialmente sovrapposte e unite per creare il bellissimo selfie pubblicato nel 2015. continua ...

Square Kilometre Array, ecco il primo disco

Il prototipo completamente assemblato dell’antenna a disco Ska-P, presso l’officina di montaggio Cetc54 a Shijiazhuang, in Cina. Crediti: Ska Organisation

La China Electronics Technology Group Corporation 54 (Cetc54) ha di recente completato l’assemblaggio della prima antenna a disco (dish o a parabola) del progetto Square Kilometre Array (Ska), grazie all’importante contributo componentistico da Cina, Germania e Italia. L’antenna da 15 metri di diametro è stata inaugurata oggi a Shijiazhuang (Cina). Attraversando 18 fusi orari, negli ultimi 19 mesi i team hanno svolto un lavoro enorme cercando di rendere il dish di Ska completamente funzionale con tutte le ottiche e tre ricevitori. Alla fine, lo strumento Ska1-mid, braccio sudafricano della prima fase del telescopio Ska, sarà composto da 133 antenne di questo tipo, a cui vanno aggiunti i 64 piatti del telescopio MeerKAT già installati nella regione desertica di Karoo. continua ...

Ecco il primo esoasteroide nel Sistema solare

Nell’immagine animata si vede l’oggetto U1 avvistato mentre sfrecciava indisturbato attraverso il Sistema solare. Questi scatti sono stati realizzati con il telescopio Wiyn. Le lievi scie che si vedono in grigio sono stelle sullo sfondo. I cerchi verdi evidenziano la posizione di U1 in sequenza. In queste immagini U1 è circa 10 milioni di volte più debole delle stelle più deboli visibili a occhio nudo. Crediti: R. Kotulla (University of Wisconsin) & WIYN/NOAO/AURA/NSF

Il Sistema solare non è isolato da ciò che lo circonda e gli esperti ne hanno avuto la conferma avvistando il primo asteroide proveniente dallo spazio interstellare. Si tratta di 1I/2017 U1 o 1I/’Oumuamua, dove (secondo la classificazione data dall’Unione Astronomica Internazionale) il numero 1 e la lettera I indicano che si tratta del primo oggetto interstellare di questo tipo catalogato finora, 2017 indica l’anno della scoperta e ‘Oumuamua rende onore alle Hawaii: il suo significato nella lingua dei nativi dell’arcipelago Statunitense è infatti “esploratore” o “messaggero”. Questo oggetto (che in realtà può essere un esoasteroide o un’esocometa) è stato avvistato la prima volta il 18 ottobre scorso con il telescopio hawaiano Pan-Starrs1 e di recente un gruppo di ricercatori ha continuato a studiarlo con il Wiyn telescope e il Nordic Optical Telescope. continua ...

Eso, primo giorno per Xavier Barcons

01.09.2017

Xavier Barcons. Crediti: Eso

Il 1 settembre 2017 Xavier Barcons è divenuto l’ottavo Direttore generale dell’Eso, dopo Tim de Zeeuw, in carica dal 2007. Barcons inizia il suo mandato in un momento esaltante per l’Eso: la costruzione del telescopio Elt (Extremely Large Telescope) continua a ritmo spedito. La prima luce è prevista per il 2024.

Il nuovo Direttore generale dell’Eso Xavier Barcons vanta una grande esperienza sia nel mondo accademico che nelle organizzazioni internazionali. Ha lavorato per l’Eso per più di 10 anni, ricoprendo diverse cariche, tra cui quella di Presidente del Consiglio dell’Eso nel periodo 2012-2014. Ha contribuito in modo significativo a molti dei principali progetti dell’Eso, come, per esempio, Alma (Atacama Large Millimeter/submillimeter Array) ed Elt (Extremely Large Telescope), approvato durante il periodo in cui era Presidente del Consiglio dell’Eso. continua ...