Mettete dei fiori nelle vostre astronavi

T.J. Creamer, astronauta Nasa e ingegnere di volo della Expedition 23, mentre raccoglie un campione di tessuti da germogli di abete bianco (Picea glauca) coltivati a bordo della Stazione spaziale internazionale. Crediti: Nasa

Giardinaggio e orticoltura non sono certo l’argomento più ricorrente, su queste pagine. Ma il loro impiego in ambiente spaziale è un argomento di sempre maggior interesse. Già si è dimostrato, con numerosi esperimenti sulla Iss, che le piante possono crescere e sbocciare in assenza di microgravità. Ora si cerca di capire fino a che punto possano essere coltivate come riserva di cibo fresco, o per altri scopi quali, per esempio, la purificazione dell’aria e la produzione di ossigeno. Ma potrebbero contribuire anche al benessere psichico degli astronauti? È la domanda che si sono posti Raymond Odeh e Charles Guy, autori di uno studio, “Gardening for Therapeutic People-Plant Interactions during Long-Duration Space Missions”, pubblicato sull’ultimo numero di Open Agriculture. continua ...