Luce dopo la lunga attesa

Impressione artistica di getti di materiale dalla fusione di stelle di neutroni. Crediti: Mark Garlick/University of Warwick

Un gruppo di ricerca guidato da astronomi dell’Università di Warwick ha dovuto attendere più di tre mesi per riuscire a proseguire le osservazioni nel visibile della fusione di due stelle di neutroni avvenuta ad agosto 2017, poiché dopo una decina di giorni dall’evento la sorgente è tramontata. La lunga attesa è stata ripagata con il primo avvistamento in banda ottica di un getto di materiale fuoriuscente dalla fusione delle due stelle di neutroni, esattamente 110 giorni dopo l’inizio dell’evento cataclismico. Le loro osservazioni confermano una previsione chiave riguardante le conseguenze delle fusioni di stelle di neutroni. continua ...

Oceani, un’attesa lunga 500 milioni di anni

La Luna osservata dalla sonda Galileo. Crediti: NASA/JPL/USGS

Nei primi 500 milioni di anni della sua vita la Terra potrebbe non avere visto agitarsi sulla sua superficie le acque degli oceani. Lo indica uno studio pubblicato sulla rivista Geophysical Research Letters, che indaga su una “pancia” della Luna circa 20 volte più grande di quanto ci si dovrebbe aspettare. La “pancia” è quel rigonfiamento che hanno molti oggetti nel nostro sistema solare nel loro equatore, cioè la circonferenza che li divide in due emisferi. continua ...

The farthest: un’avventura lunga 40 anni

23.08.2017

Illustrazione del Sistema solare dal punto di vista della sonda Nasa Voyager 1, che si trova ora a quasi 21 miliardi di km dalla Terra, al confine dello spazio interstellare. Crediti: Nasa, Esa e G. Bacon (Stsci)

Correva l’anno 1977. In Italia la Rai chiudeva definitivamente le trasmissioni del Carosello e inaugurava ufficialmente l’era del colore sul piccolo schermo. Alla radio furoreggiavano Umberto Tozzi con “Ti amo”, Lucio Battisti con “Amarsi un po’”, i Matia Bazar con “Solo tu”, mentre in discoteca ci si scatenava al ritmo di “Don’t let me be misunderstood”. Non era luogo quello per l’autore di questo articolo, che invece giocava beato tra macchinine colorate e il suo primo Big Jim, inventando mirabolanti avventure. continua ...