Alma e Muse scoprono una fontana galattica

Immagine composita dell’ammasso di galassie Abell 2597 che mostra il flusso di gas alimentato dal buco nero supermassiccio nel cuore della galassia centrale dell’ammasso. In giallo i dati di Alma mostrano la distribuzione del gas freddo che sta cadendo verso il buco nero, mentre in rosso i dati dello strumento Muse sul Vlt mostrano, nella stessa regione, l’idrogeno gassoso caldo che viene lanciato via dal buco nero. In blu-viola è mostrato invece il gas caldissimo, ionizzato, rivelato dall’osservatorio per raggi X Chandra.
Crediti: Alma (Eso/Naoj/Nrao), Tremblay et al.; Nrao/Aui/Nsf, B. Saxton; Nasa/Chandra; Eso/Vlt continua ...

Collisione galattica nell’ammasso di Pandora

L’ammasso di Pandora (conosciuto tecnicamente come Abell 2744) è letteralmente un immenso laboratorio cosmico a 4 miliardi di anni luce dalla Terra che i ricercatori sfruttano per studiare i processi di formazione stellare e l’interazione prodotta dallo scontro tra differenti tipi di materia. È anche il risultato di un drammatico ed esplosivo scontro galattico: nelle immagini qui sotto vedete, infatti, la gigante collisione che ha coinvolto per 350 milioni di anni quattro grossi agglomerati di galassie (centinaia e centinaia) e che ha portato alla creazione di questa immensa regione. continua ...

La polvere galattica osservata ai raggi X

Le più spettacolari e terrificanti emissioni di energia che l’universo conosca: i gamma ray bursts (o Grb in breve). L’osservazione di questi oggetti, così luminosi da essere visibili anche provenendo da lontane galassie, ci permette di studiare e comprendere meccanismi fisici ad altissime energie. Ma non solo: un recente studio, tutto italiano, ha sfruttato le radiazioni nel campo dei raggi X provenienti da un Grb per distinguere le “silhouette” di nubi di polvere interstellare nella nostra galassia, ottenendo importanti informazioni riguardo alla posizione e alla densità di questi materiali diffusi. continua ...