Anche le api si fermano per l’eclissi

Uno studio condotto durante l’eclissi solare totale del 2017 in Nord America ha rilevato che le api sono rimaste attive durante le fasi di eclissi parziale sia prima che dopo il periodo di totalità, ma si sono fermate durante la totalità stessa. I loro voli tendevano inoltre a durare più a lungo immediatamente prima e dopo la totalità: forse le api avevano rallentato la loro velocità di volo o stavano tornando agli alveari mentre la luce si attenuava. Crediti: Susan Ellis, Bugwood.org

Ebbene sì, anche le api hanno interrotto la loro frenetica attività durante l’eclissi di Sole totale osservata negli Stati Uniti il 21 agosto 2017. È quanto risulta da uno studio senza precedenti sull’influenza di un’eclissi solare sul comportamento delle api, condotto da un gruppo di ricercatori dell’Università del Missouri guidato da Candace Galen, professoressa di biologia dell’ateneo, pubblicato il 10 ottobre negli Annals of Entomological Society of America. continua ...

L’eclissi sul Golfo dei Poeti incanta la Nasa

L’eclissi sul golfo dei poeti. Crediti & Copyright: Paolo Lazzarotti

I do like this, thanks for submitting it. It looks quite beautiful. Con queste parole l’editor dell’Apod della Nasa ha comunicato a Paolo Lazzarotti, classe 1973, amante da sempre della fotografia, che la sua opera con protagonista la scorsa eclissi di Luna era stata scelta come immagine astronomica di oggi, giovedì 2 agosto. L’ Apod (Astronomy Picture of the Day) è un sito creato dalla Nasa che seleziona – una al giorno – le più belle immagini di eventi astronomici o di esplorazione dello spazio. Scatti di quelli da mozzare il fiato. Scatti come questi di Lazzarotti, fotografo che ha iniziato la sua carriera con soggetti astronomici, impressionando chilometri di negativi, per poi passare a paesaggi e ritratti che immortala con reflex digitali. continua ...

Eclissi di Luna: le vostre foto

Sono foto fatte dal giardino, dal terrazzo, dalla spiaggia, dalla cima di un monte. Con la fotocamera digitale, con il cavalletto, con lo smartphone, con il tablet appoggiato al telescopio, a mano libera, utilizzando un paio di occhiali da sole come filtro.

Mostrano la Luna da sola, tante lune quante le fasi dell’eclissi, la Luna con il duomo di Firenze, la Luna e l’autostrada, la Luna con Marte, Marte da solo. Marte che – vale la pena ribadire, visti certi articoli apparsi nel fine settimana su testate anche importanti (qui ne sono raccolti alcuni) – non è il responsabile della colorazione rossastra assunta dal nostro satellite durante il fenomeno, dovuta all’atmosfera terrestre. continua ...

Fare scienza con l’eclissi

27.07.2018

Michele Maris, astronomo dell’Inaf Oats, che nel 2017 ha lavorato presso la base Concordia Station, in Antartide.

Nella notte di venerdì 27 luglio 2018, molti occhi saranno puntati verso la Luna, che lentamente entrerà nel cono d’ombra della Terra, eclissandosi completamente per 103 minuti. Il viaggio della Luna attraverso l’ombra della Terra produce uno degli spettacoli più drammatici e impressionanti della natura. Può, questo raro e particolare evento, aiutarci ad approfondire la nostra comprensione del mondo che ci circonda? continua ...

Eclissi di Luna: iniziative dell’Inaf per il pubblico

27.07.2018

Il sito predisposto dall’Inaf su Tumblr per la condivisione delle vostre fotografie dell’eclissi.

Con 103 minuti di totalità, venerdì 27 luglio si potrà assistere all’eclissi totale di Luna più lunga del secolo. L’eclissi totale del nostro satellite si verifica quando nella sequenza Sole, Terra e Luna si trovano perfettamente allineati, mentre la sua durata dipende dalla distanza reciproca Terra-Luna.  Durante questa eclissi il nostro satellite si troverà in prossimità dell’apogeo, punto della propria orbita alla massima distanza dalla Terra, poco oltre 400mila chilometri. In questo tratto dell’orbita la Luna si muoverà più lentamente rispetto a quando si trova in altri punti della sua traiettoria, come ci insegna la II legge di Keplero, dilatando i tempi di passaggio nel cono d’ombra terrestre. continua ...

In arrivo un’eclissi di Luna da record

Uno scatto della luna in eclissi preso da Enrico Cascone dell’Inaf-Osservatorio astronomico di Capodimonte, nella notte tra il 27 e il 28 settembre 2015

A luglio, nella notte tra il 27 e il 28, appuntamento imperdibile con una eclissi totale di Luna davvero super. La sua fase di totalità sarà infatti la più lunga tra tutte le eclissi di luna che si verificheranno in questo secolo, durando ben un’ora e 43 minuti.

Sul nostro territorio, l’evento sarà visibile, nuvole permettendo, quasi nella sua interezza. La Luna infatti sorgerà pochi minuti prima delle 21, ora locale italiana, verso sud est, già in fase di attraversamento del cono di ombra creato dalla Terra, che in quel periodo si verrà a trovare esattamente tra il Sole e il nostro satellite naturale. La fase di totalità si verificherà tra le 21 e 30 e le 23 e 13, mentre il massimo  dell’eclissi, ovvero il maggiore oscuramento della Luna, è previsto alle 22 e 22. La Luna, dopo l’uscita dalla totalità, attraverserà il cono di penombra per emergerne definitivamente e segnare così la fine dell’eclissi all’1 e 30 della mattina del 28 luglio. continua ...

Eclissi di sole al Polo sud

Area di visibilità dell’eclissi di Sole del 15 febbraio 2018. Crediti: Fred Espenak / Nasa / Gsfc

Direttamente dalla Stazione italo-francese Concordia ci arriva in anteprima l’immagine mozzafiato dell’eclissi parziale di Sole visibile ieri, giovedì 15 febbraio, solo dalle latitudini più meridionali del pianeta. Quando due terzi del continente antartico sono stati attraversati dall’ombra della Luna. L’eclissi è stata visibile, anche se in misura minore, in parte del Cile, Argentina, Paraguay, Uruguay, Brasile e Isola Falkland. continua ...

Eclissi solare: Sdo in prima fila

Cosa accade quando la Terra passa davanti al Sole oscurandone il disco? Se domenica 11 febbraio fossimo stati a bordo del satellite della Nasa Solar Dynamics Observatory (Sdo) avremmo assistito a un’eclissi solare. Certo, i nostri occhi avrebbero avuto dei danni irreparabili, ma lo spettacolo sarebbe stato unico. Sdo ha catturato questo breve transito (dalle 8:10 alle 8:41 del mattino ora italiana) alla lunghezza d’onda dell’ultravioletto estremo, invisibile all’occhio umano. continua ...

Se per regalo vuoi un’eclissi totale…

22.11.2017

Il 2 luglio 2019 un’eclissi solare totale avvolgerà nelle tenebre l’Osservatorio di La Silla dello European Southern Observatory (Eso), in Cile. Per celebrare questo importante evento, l’Eso apre in via del tutto eccezionale le porte dell’Osservatorio al pubblico.

I biglietti disponibili sono 700, e saranno messi in vendita – fino a esaurimento – nell’EsoShop a partire da mercoledì 22 novembre 2017 a 200 euro l’uno. Includono il trasporto dalla base della montagna fino all’Osservatorio di La Silla e una visita guidata dell’osservatorio. Maggiori informazioni sui biglietti e sull’evento saranno fornite il ​​primo giorno della messa in vendita. Se siete interessati, per essere avvisati non appena i biglietti saranno disponibili potete registrarvi già da ora alla newsletter ESONews. continua ...

L’eclissi del faraone

Statua raffigurante il faraone Ramses II, British Museum, Londra

Accadde il 30 ottobre. Dell’anno 1207 avanti Cristo. E potrebbe trattarsi della più antica eclissi solare mai registrata a memoria d’uomo. A farne menzione il testo più stampato al mondo: la Sacra Bibbia. A sostenerlo sono i ricercatori della Cambridge University e la loro scoperta potrebbe avere più di una conseguenza sulla nostra conoscenza del mondo antico.

Mettendo a confronto l’Antico Testamento con altrettanto antiche stele egizie, è infatti possibile stabilire con maggiore precisione le date che hanno scandito il susseguirsi della dinastia dei faraoni e in particolare l’esatta collocazione temporale del regno di Ramses II, detto il Grande. Terzo della XIX dinastia, spesso ricordato come il più potente e celebrato faraone dell’impero egizio per via della durata eccezionale del suo regno. continua ...