Spinoff 2018, le tecnologie «made in Nasa»

Clicca per scaricare il pdf

L’edizione 2018 della pubblicazione annuale della rivista Spinoff della Nasa, pubblicata la scorsa settimana, presenta 49 tecnologie che l’agenzia spaziale Usa ha contribuito a creare e che sono utilizzate in molto ambiti della vita moderna. Innovazioni utili per la ricerca di sopravvissuti alle catastrofi intrappolati sotto le macerie, per purificare aria e superfici così da fermare la diffusione di germi e per collaudare nuovi materiali destinati a qualunque applicazione, dagli aeroplani alle scarpe da ginnastica.

«Ciò che facciamo alla Nasa rappresenta un investimento per il futuro, non solo per i viaggi aerei e spaziali, ma per l’intera nazione», sottolinea Stephen Jurczyk dello Space Technology Mission Directorate, a Washington. «Così come le missioni di esplorazione spaziale della Nasa sono fonte d’ispirazione per i giovani che vogliano diventare scienziati e ingegneri, le attività dell’agenzia a sostegno di queste missioni stanno creando per loro posti di lavoro in molti settori dell’industria. I programmi di ricerca e tecnologia della Nasa danno origine a tecnologie che si possono mettere in commercio, e le missioni sono l’occasione per la creazione di nuove società, aiutano l’economia a crescere, ci consentono di risparmiare denaro, di aumentare la sicurezza e di salvare vite umane».

Fra le ricadute industriali illustrate nell’edizione 2018 di Spinoff c’è, per esempio, una tecnologia radar ultrasensibile, messa a punto per rilevare le fluttuazioni di gravità, convertita per identificare i segni vitali dei sopravvissuti alle catastrofi intrappolati sotto le macerie. Ancora, una tecnica sviluppata per proteggere dall’etilene le piante che crescono nello spazio ha portato a dispositivi che eliminano batteri, virus, muffe e composti organici volatili dall’aria, dalle superfici e persino dal bucato. Fra gli highlights in ambito informatico, c’è l’intelligenza artificiale che aiuta i droni a evitare le collisioni e potrebbe un giorno essere applicata ad auto a guida autonoma, oppure il programma per computer che, a 50 anni dalla sua creazione, è ancora utilizzato per progettare auto, edifici e molti altri oggetti.

«Le tecnologie della Nasa risalenti all’epoca delle missioni Apollo stanno ancora contribuendo a migliorare la qualità delle nostre vite», dice Daniel Lockney, del programma di trasferimento tecnologico della Nasa. «Nel frattempo, innovazioni pensate e realizzate per le prossime missioni spaziali, come la capsula Orion e il telescopio spaziale James Webb, stanno già trovando applicazioni commerciali. I benefici del programma spaziale continuano ad accumularsi anno dopo anno».

La raccolta comprende anche una sezione Spinoff of Tomorrow che evidenzia 20 tecnologie Nasa mature per applicazioni commerciali e disponibili su licenza. Tecnologie come quelle del fotobioreattore di alghe che pulisce le acque reflue producendo biocarburanti, del rivoluzionario ingranaggio e cuscinetto all-in-one e del robot “dottore” Robonaut 2.

Guarda su MediaInaf Tv il servizio video sugli Spinoff dell’anno scorso:

Fonte: Spinoff 2018, le tecnologie «made in Nasa»